Liveyourlive App Liveyourlive App Liveyourlive App on iTunes

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

L'utilizzo dei cookie è limitato alla gestione della sessione utente e a cookie di terze parti per raccolta di statistiche Per saperne di piu'

Accetto
Non Accetto
accedi non sei iscritto? registrati

Accedi al tuo account

Username *
Password *
Ricordami
Registrati usando:

Crea un account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Cliccando il tasto Registrati, confermi di aver letto e accettato i Termini e Condizioni d'Uso.
Registrati usando:

info evento

Brad Mehldau trio Roma (RM)

Brad Mehldau "? salito alla ribalta giovanissimo negli anni Novanta. Pianista di formazione classica si "? presto convertito al jazz. A New York frequenta la Nuova Scuola per le Ricerche Sociali e ha come insegnanti i pianisti Fred Hersch, Kenny Werner e il batterista Jimmy Cobb. Incide il primo album intitolato Introducing nel 1995, un manifesto dei suoi successivi lavori in trio. Nel 1999 concepisce Elegiac Cycle, album solista, diverso dal solito, vagamente impressionista, postmoderno, minimale, dove sono udibili gli studi classici che impregnano la sua cultura musicale. Con Live in Tokyo conferma la maturit"? raggiunta come solista e la rivista statunitensa di jazz "??Down Beat"?? ne glorifica la sua arte premiandolo come miglior pianista jazz del 2004. Mehldau a volte "? confrontato con Bill Evans ma non gli piace il confronto, come spiega nell"??introduzione a The Art of the Trio IV. Paragonato anche a Keith Jarrett, descrive i lavori solisti di Jarrett pi"? come ispirazione che influenza. La sua formazione classica "? evidente, e spesso suona una diversa melodia con ciascuna mano, in insoliti metri quali 5/4 e 7/4. Nessuno come Mehldau, negli ultimi anni, ha rivoluzionato il mondo del pianismo jazz. Nessuno come lui riesce a condensare in un unico, inimitabile stile, la raffinatezza armonica, la ricerca introspettiva e la coralit"? della polifonia, frutto dell'assidua frequentazione della musica di Bach, e una pura creativit"?. La sua tecnica "? formidabile, non si limita al puro accompagnamento, ma offre costantemente un vero e proprio dialogo con la linea melodica principale, creando spunti sempre nuovi che poi prendono vita propria e danno un senso polifonico alla composizione.

La data
3 ottobre 2019 Roma, Auditorium Parco della Musica, Sala Sinopoli

...
21:00
Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli
Pietro De Coubertin, 30,
00100 - Roma (RM)
 
 
Rating: 0 Voti
commenti
basta un click
Basta un click!